Daniele Nicastro

Leggere per leggere

Biografia

È nato a Carmagnola nel 1978 e ora vive in un piccolo paese della provincia di Cuneo, dove scrive a tempo pieno libri per ragazzi. Nel 2011 ha iniziato a dedicarsi alla letteratura per ragazzi e da allora si è cimentato nei generi più disparati, dai racconti fantastici a quelli comici o ai romanzi d’avventura, sempre con un occhio di riguardo per i temi della crescita. Svolge incontri di scrittura creativa e di promozione alla lettura con numerose scuole e biblioteche e collabora come ghost writer con le maggiori case editrici italiane.

Protagonista del progetto Leggere per Leggere per l’anno scolastico 2019-2020, sarà ospite a Leggenda per la prima volta.

Bibliografia

Da 8 anni

SERIE Quelli della Rodari, Lapis.

Elio Elettrone e l’invasione aliena, 2019.

Ronnie Rondella e la fiera della scienza, 2017.

SERIE Campioni, EL.

Campioni del tennis di ieri e di oggi, 2019.

Campioni del nuoto di ieri e di oggi, 2018.

Campioni dell’automobilismo di ieri e di oggi, 2018.

Da 11 anni

Io, Chiara e la luna, Paoline, 2018.
Khalifa. Un immigrato da medaglia, Einaudi Ragazzi, 2018.
Lampo, il cane ferroviere, Piemme, 2019.

Da 12 anni
Stalker, Einaudi Ragazzi, 2019.
Grande, Einaudi Ragazzi, 2017.

Libro in evidenza

Grande

Einaudi Ragazzi, 2017

Luca, tredici anni, voleva andare in vacanza con gli amici. Invece gli tocca il soggiorno in Sicilia, nel paese di nessuno. Neanche la compagnia dei cugini gli solleva il morale. Paolo è diventato un secchione tutto casa, compiti e negozio, e Cettina è troppo piccola e poi, be’, è una ragazza. Per fortuna conosce Mario, che ha il motorino e l’ultimo modello di cellulare, e lo invita al bar. Luca non è mai stato in un bar. Nessuno gli ha mai offerto da bere. Quelle sono cose da grandi. E lui non vede l’ora di fare cose da grandi. Se mi stai vicino ti diverti, gli dice Mario. L’estate è salva, ma dietro la libertà, le feste in piscina e la fratellanza si nasconde un nemico feroce, spietato, quasi impossibile da battere. Il suo nome è Mafia. Luca credeva di conoscere la Mafia. Sapeva che era brutta, lontana, invece è così vicina che non sembra vera. Ma sa riconoscere un guaio quando ci finisce dentro. E questo è il più grosso che gli sia mai capitato.